Casa del vino Ticino | Vino e territorio
Casa del vino, Ticino, Vino, enogastronomia, produttori Ticino
643
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-643,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Storia

Il merlot è scelto nel 1906 quale vitigno ideale nella ricostruzione del vigneto ticinese dopo l’arrivo della philossera.

Negli anni ’60, con lo sviluppo del turismo nel nostro Cantone, il Merlot inizia a essere conosciuto anche fuori dai nostri confini.

Primi anni ’80: diversi produttori partono per corsi di aggiornamento all’università di Bordeaux e si inizia a vinificare vini più strutturati e adatti all’invecchiamento.

1982: prima vinificazione in bianco del Merlot. Il successo è rapido e il vino è subito apprezzato dal consumatore. Ancora oggi resta un’unicità a livello mondiale.

Anni ’90: il Merlot è spumantizzato. Dopo i primi tentativi della fine degli anni ottanta, alcuni produttori iniziano a produrre bollicine partendo da questo vitigno.

Oggi la qualità dei vini ticinesi è riconosciuta a livello mondiale tanto da distinguersi nei concorsi internazionali e sempre più i giornalisti esteri scoprono le peculiarità dei nostri vini.

shutterstock_314165678
shutterstock_119956741
shutterstock_314750660
shutterstock_445190212

Il merlot

Il Merlot, originario della Gironde (Bordeaux), è un’uva a bacca rossa ed è il secondo vitigno per importanza a livello mondiale dopo il Cabernet Sauvignon. È coltivato in tutti i continenti, anche se i migliori risultati organolettici si ottengono nei pasi con climi miti che danno origine a vini eleganti. Tra le zone di produzione più prestigiose troviamo Pomerol, e quale patria adottiva, il Ticino dove lo si coltiva da oltre un secolo. Il suo nome deriva dal merlo, che ne apprezza la ricchezza zuccherina degli acini, dovuta alla sua maturazione precoce.

Cantina

La cantina della Casa del vino Ticino si situa nella zona retrostante del Mulino, dove la temperatura è la più costante e l’umidità è di circa il 75%. Circa 250 i vini prodotti dai 45 produttori che aderiscono al progetto Casa del vino presenti sugli scaffali. Non solo Merlot in purezza, ma anche vini ottenuti da assemblaggi, altri vitigni – sia bianchi che rossi – che fanno la ricchezza dell’enologia ticinese. Intorno al tavolino della cantina, trovano posto fino ad un massimo di sei persone che possono gustarsi un aperitivo, in attesa di accomodarsi a tavola.

Foto: Davide Stallone
DSC_0879
shutterstock_93338578
shutterstock_292033604

Legislazione

Con la vendemmia del 1997, la viticoltura ticinese adotta la Denominazione d’Origine Controllata per i vini prodotti nel Cantone e nel Moesano. I vini che ottengono la DOC sono degustati da una speciale commissione di degustazione che ne certifica la loro idoneità. I Vini DOC possono essere ottenuti da monovitigni o assemblati: in questo caso prenderanno la designazione Rosso del Ticino rispettivamente Bianco del Ticino.

I principali vitigni coltivati in Ticino

Vitigni rossi 

Merlot

Pinot Noir

Cabernet Franc

Cabernet Sauvignon

Syrah

Bondola

Diolinoir

Gamaret

Vitigni bianchi 

Chardonnay

Sauvignon blanc

Viognier

Kerner

Chasselas

Müller Thurgau

Semillon

Doral

Pinot grigio

Pinot bianco

shutterstock_154144709
Foto: Davide Stallone